PARLIAMO DI CUORE....E NON SOLO...MA SEMPRE COL CUORE - Messaggio aziendale
 

INCAPRETTAMENTO - MAFIA - OMICDIO

INCAPRETTAMENTO - MAFIA - OMICIDIO













 
 
 
 
 
 
 
 
 
LUCIANO LIGGIO - CORLEONE - CORLEONESI - MAFIA - L'ORA - PALERMO . GIORNALISTI 
MAFIA . L'ORA - GIORNALISTI - LIGGIO- CORLEONESI - PALERMO 
 
 
 
 




 
 






 
 
 
 
 

 
 
 

JOE VALACHI - COSA NOSTRA - MAFIA - PENTITI 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
















Fu Joe Valachi , nella sua deposizione alla Commissione Senatoriale degli Stati Uniti nell'autunno 1963 ,a rivelare  il nome di Cosa Nostra, le sue strutture, i suoi componenti, la sua storia. Rese noti i nomi di circa 1200 appartenenti a Cosa Nostra americana. Fu una confessione completa, al contrario di quella, pur importante, di Buscetta , caratterizzata da reticenze, soprattutto su i rapporti mafia-politici.
 
 
 



DI CRISTINA - RIESI - MAFIA
 TANO BADALAMENTI - MAFIA - CINISI - IMPASTATO



 
 
 
NITTO SANTAPAOLOA - MAFIA - CATANIA . CORLEONESI - CAVALIERI DI CATANIA 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
GENCO RUSSO - MAFIA - MUSSOMELI - SBARCO AMERICANI IN SICILIA 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
MARINO MANNOIA - MAFIA  - DROGA - RAFFINERIE - EROINA - PENTITI
 
 
 

































Il Traina , nel suo vocabolario del dialetto siciliano, del 1868, afferma che la parola mafia la si deve ai piemontesi che si impadronirono della Sicilia dopo che il cosidetto eroe dei due mondi la conquisto' per loro. Forse deriva dal toscano "maffia", che vuol dire miseria e "smaferi", che vuol dire sgherri . Il Traina trova che queste due parole colgano in pieno il tipo mafioso : il mafioso ha baldanza e prepotenza da sgherro ma e' anche un miserabile, poiché "miseria vera  e' credersi grand'uomo per la sola forza bruta, cio' che mostra invece gran brutalita', cioe' l'essere gran bestia ".



GIOVANNI BRUSCA - MAFIA - SAN GIUSEPPE JATO - OMICIO DI MATTEO - STRAGE DI CAPACI - PENTITI - U VERRU - STRAGE DI CAPACI - DI MATTEO
 
 
 
 
 
 
GASPARE SPATUZZA - MAFIA - OMICIDIO PADRE PUGLISI - STRAGE VIA D' AMELIO
 
 
 
 
 
BERNARDO BRUSCA  - MAFIA - SAN GIUSEPPE JATO - CORLEONESI
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
  











 LA PUNCIUTA : AGLI INIZIATI CHIEDEVANO IL DITO INDICE DELLA MANO DESTRA, LA MANO CHE SPARA. IN ALCUNE BORGATE SI USAVANO LE SPINE DI ARANCIO  AMARO, A RIESI UNA SPILLA D'ORO, SEMPRE LA STESSA. 
LA SANTINA CHE OGNI MAFIOSO VENERAVA E' QUELLA DELLA MADONNA DELL' ANNUNZIATA. E' LA PATRONA DI COSA NOSTRA. SI FESTEGGIA IL 25 MARZO.

TOMMASO BUSCETTA - MAFIA - DROGA - PENTITI - COLLABORATORI DI GIUSTIZIA - MAXIPROCESSO


























PER TUTTA LA SUA VITA  RICORDERA' CON COMMOZIONE IL SUO CAPOFAMIGLIA, GAETANO FILIPPONE, " UOMO DI PANCIA " CHE SEMPRE RIFIUTO' DI ARRICCHIRSI E CONTINUAVA A GIRARE A PALERMO SERVENDOSI DEGLI AUTOBUS DEL SERVIZIO MUNICIPALE, NONOSTANTE I SUOI SETTA  ANNI. U ZU TANU FILIPPONE  ERA CONSIDERATO " OMU DE PANZA "  :  L'OMU DE TESTA E' NGEGNU, L' OMU DE PANZA E' OMU " ( L'UOMO INTELLIGENTE E' UN INGEGNO,  L'UOMO   DI OMERTA'  E' UN  UOMO ). SUO VICECAPO ERA IL DR MAGGIORE, DIRETTORE DELLA CLINICA PER MALATTIE MENTALI CASA DEL SOLE; IL CONSIGLIORI ERA GIUSEPPE TRAPANI, CONCESSIONARIO PER LA SICILIA DELLA BIRRA MESSINA, E ASSESSORE COMUNALE.

QUANDO AGLI INIZI DEGLI ANNI SESSANTA GLI FU RITIRATO IL PASSAPORTO, UN DEPUTATO DEMOCRISTIANO - ON. FRANCESCO BARBACCIA -  INDIRIZZO' UNA LETTERA  , SU CARTA INTESTATA DEL PARLAMENTO, AL  CAPO DELLA POLIZIA PALERMITANA  CHIEDENDO DI RINNOVARE IL PASSAPORTO AL SIGN. BUSCETTA, " PERSONA CHE MI STA MOLTO A CUORE "  !


A PROPOSITO DEL SUO PENTIMENTO, GAETANO RIINA DISSE AD ATTILIO BOLZONI: " HA VISTO IL MONDO  E GLI E' SCOPPIATO IL CERVELLO "

.....................................................................................................................................................

GASPARE MUTOLO : INIZIA COME LADRO DI AUTO - IN CARCERE NEL 1965 CON RIINA - RIINA LO FA DIVENTARE UOMO D'ONORE A PARTANNA, CON SARO RICCOBONO, MA E' UN UOMO "SUO" ( QUANDO STERMINERANNO RICCOBONO E I SUOI UOMINI , LUI SI SALVA ) - QUANDO MUORE FALCONE SI PENTE E CHIEDE DI PARLARE CON BORSELLINO - 
AL MAXIPROCESSO :
- " SCUSI, SIGNOR GIUDICE LATERALE, PUO' PARLARE PIU' FORTE ? "
- " SIGNOR GIUDICE, MI SCUSI, FATE TANTE STORIE PER TRE GRAMMI DI DROGA; PER ME UNA MODICA QUANTITA' SONO ALMENO QUATTRO CHILI DI EROINA ! "
ERA INNAMORATO DI TOTO' RIINA : " DOTTORE, SE LEI PARLA CON LUI PARE UN PREDICATORE. SERENO, PACATO...QUEL VISO COSI' BELLO E PACIFICO...MI RICORDA PAPA GIOVANNI..."
RICORDO' AI GIUDICI QUANTO RIINA FOSSE PREMUROSO CON LE SUE VITTIME ; PRIMA DI FARLE AMMAZZARE LI FACEVA MANGIARE E DIVERTIRE !





GASPARE MUTOLO - PARTANNA MONDELLO - SARO RICCOBONO - TOTO' RIINA - ASPARINO - MAFIA - SANTA MARIA DI GESU' - BONTADE

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



PIDDU MADONIA, DETTO MANO D'ARTIGLIO, NATO A CORLEONE - CAPO DELLA AMNO NERA DI NEW YORK.







LUCKY LUCIANO - MAFIA - COSA NOSTRA - CHARLES POLETTI - DROGA - CUBA























LUCKY LUCIANO ARRIVA A PALERMO - MAFIA - DROGA - MORFINA -











NATO A LERCARA FRIDDI, STESSO PAESE DEL PROCURATORE SCAGLIONE, A 35 ANNI COMANDA SU MEZZA NEW YORK. FORAGGIO' L'ELEZIONE DI ROOSEVELT E TRASFORMO' IL DESERTO DEL NEVADA NEL PARADISO DELL' AZZARDO. VISTO CHE GLI AFFARI GLI ANDAVANO SEMPRE BENE GLI AMICI GLI CAMBIARONO IL NOME: NON  PIU' SALVATORE LUCANIA MA CHARLIE LUCKY LUCIANO. IN VERITA' AVEVA ANCHE " SPIRITO INDUSTRIALE " : ACQUISTA DA CASE FARMACEUTICHE COME LA SCIAPPARELLI, LA SAICOM, LA SACI, LA RAMSA, INGENTI QUANTITATIVI DI MORFINA; IN UN ANNO LA SAICOM, DIRETTA DAL PROF. BONOMO, TITOLARE DELLA CATTEDRA DI CHIMICA ALL' UNIVERSITA' DI MILANO, GLIENE VENDE 150 KG !!!!!!
CON LUI , GLI AMERICANI CI OMAGGIARONO DI PERSONER PER BENE QUALI FRANK CARUSO, NICK GENTILE, CARLOS MARCELLO, TONY ACCARDO, GAETANO BADALAMENTI, FRANK COPPOLA, JOSEPH GAMBINO, VINCENT COLLURA, JOE PROFACI, ANGELO DI CARLO, CESARE MANZELLA...E ALTRI GALANTUOMINI.


 
 
 
MICHELE GRECO - MAFIA - CIACULLI - PALERMO - CORLEONESI - MAXIPROCESSO
 
 
 Dalle dichiarazioni di Totuccio Contorno : " Michele Greco e' un traditore. Dei morti ammazzati a Palermo tutta la colpa ce l'ha lui. Se lui voleva, poteva dire: no, queste cose non si fanno .
 Io di Michele Greco posso raccontare dei discorsi molto vecchi, di quando ero ragazzino. Michele Greco e'  il figlio di Piddu il Tenente, si', proprio un tenente dei carabinieri. Fra il 1940 e il 1945 c'era stata una lite tra i Greco di Ciaculli e i Greco di Croceverde Giardini. C'era stata una festa paesana e ne e' venuto fuori un morto, il fratello di Michele Greco. A questo punto Piddu il Tenente - infamone, infame morto dove si trova - ha denunciato i fatti alla polizia dicendo che il figlio gliel' avevano ucciso Toto' Pace di Ciaculli e Paolino Greco e altre due persone. Quattro cristiani che hanno preso trent'anni a testa. Percio', nell'usanaza che io conoscevo,quando uno e' figlio di un padre cosi' infame, non poteva diventare uomo d' onore. Nel nostro ambiente, quando uno ha un padre infame o la madre buttana o uno zio finanziere, non puo' entrare in Cosa Nostra. "
Ma "Piddu u tinienti" sedeva a pranzo con cardinale Ruffini e il procuratore generale della Repubblica Pili...grandi amici...Pili aveva una chiave della Favarella, ci andava a caccia !
 
 
 
 
CALOGERO VIZZINI - MAFIA - VILLALBA - CHARLES POLETTI  - SBARCO DEGLI AMERICANI IN SICILIAI









CALOGERO VIZZINI, INDIZIATO DI 51 OMICIDI !
 
 
 
 
 
 
 
 
 

  
 
MICHELE NAVARRA - CORLEONE - MAFIA - U PADRI NOSTRU

 
 

OMICIDIO NAVARRA  - CORLEONE - MAFIA - LUCIANO LIGGIO
 
 
 
PINO GRECO -
TOTUCCIO INZERILLO - MAFIA - PERDENTI - PASSO DI RIGANO - DROGA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
OMICIDIO INZERILLO - MAFIA - TOTO' RIINA
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
STEFANO BONTADE - PRINCIPE DI VILLAGRAZIA - MAFIA - DROGA - PERDENTI
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
OMICIDIO BONTADE - PALERMO - SANTA MARIA DI GESU' - TOTO' RIINA - MAFIA
 


ANGELO LA BARBERA - MAFIA - PALERMO













I DUE LA BARBERA VENGONO DAL NIENTE...FINO AI VENT'ANNI SONO POVERI... LADRI E GARZONI, CARRETTIERI  A PARTANNA...COMINCIANO CON LA GUARDANIA DEI VILLINI A MONDELLO, POI LA CUSTODIA DEI CANTIERI, POI UNA PICCOLA DITTA DI FORNITURE EDILI, POI DIVENTANO I PROTETTORI - SOCI OCCULTI -DEL COSTRUTTORE MONCADA... INIZIA QUEL CONNUBIO DI RECIPROCO INTERESSE FRA MAFIOSI E COSTRUTTORI CHE DURERA' NEL  TEMPO...PALERMO CENTRO E' LORO...APPALTI, DROGA, ESTORSIONI. NONOSTANTE QUESTO RIESCONO AD AVERE IL PASSAPORTO...C'E' UNA LETTERA DI RACCOMANDAZIONE DELL' ONOREVOLE DC DI BENEDETTO, DOPO CHE IL DIRIGENTE DEL COMMISSRIATO POLITEAMA  HA CAMBIATO IL PROPRIO PARERE DA SFAVOREVOLE  A  FAVOREVOLE !



 
 
J. GOTTI - MAFIA . COSA NOSTRA -
 
TOTO' RIINA - CORLEONESI - MAFIA
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
LA BARBERA - RIMI - MAFIA - ALCAMO - PRIMA GUERRA DI MAFIA








 
 
 
 
 
 

 
 



BERNARDO PROVENZANO - MAFIA - CORLEONESI - U TRATTURI - IL RAGIONIERE


 
LEOLUCA BAGARELLA - CORLEONESI - MAFIA - BORIS GIULIANO
 
 
FILIPPO MARCHESE - MILINCIANA - MAFIA - PALERMO - CORSO DEI MILLE - CAMERA DELLA MORTE - SANT'ERASMO
 
 
 
 
 
 
 
 










-------------------------------------------------------------------
 
 MARIO PRESTIFILIPPO - KILLER - MAFIA - CORLEONESI - GRUPPO DI FUOCO
 
  
MARIO PRESTIFILIPPO: FU UNO DEI KILLER PIU' FEROCI . UCCISE UOMINI DI STATO , MAFIOSI, GENTE COMUNE....DECINE E DECINE DI OMICIDI....QUANDO DIVENNE TROPPO INGOMBRANTE FU ELIMINATO, COME ANCHE IL SUO COMPARE, PINO GRECO...FU UNO SCEMPIO...VICINO BAGHERIA FU BLOCCATO, MENTRE ERA IN MOTO , DA UN COMMANDO DI ALMENO DIECI UOMINI, IN AUTO E MOTOCICLETTE...NON EBBE IL TEMPO DI PRENDERE LA SUA SMITH E WESSON, UNA DELLE TRE PISTOLE CHE PORTAVA ADDOSSO...GLI SPARARONO CON PISTOLE AUTOMATICHE, LUPARE E FUCILI DA CACCIA GROSSA...PIU' DI OTTANTA COLPI...LO FINIRONO CON UN COLPO ALLA GOLA...LA POLIZIA LO RICONOBBE DALLE IMPRONTE DIGITALI....AVEVA 29 ANNI !
ALL'OBITORIO LA MADRE PRESE UN FAZZOLETTO BIANCO, LO INTINSE NEL SANGUE DELLE FERITE , LO PORTO' AL VISO E DISSE: " U SANGU, U SANGU DU ME SANGU ..."
 

MARIO PRESTIFILIPPO - MAFIA - CORLEONESI - KILLER
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
FORSE FU ANCHE IL KILLER  DEL PROF. BOSIO, NEL 1981. 
BOSIO PROBABILMENTE PAGO' L'AFFRONTO DI AVERE DETTO NO AD UN "PIACERE" CHIESTOGLI DA BEPPE LIMA, ALLORA DIRETTORE DEL CIVICO...LA MOGLIE RIFERI' DI UNA TELEFONATA TRA I DUE QUALCHE GIORNO PRIMA, IN CUI IL PROFESSORE SI RIFIUTAVA CATEGORICAMENTE DI FARE QUANTO GLI VENIVA CHIESTO...SUCCESSIVAMENTE VITO CIANCIMINO DIRA' ALLA FIGLIA CHE BOSIO SE L'ERA CERCATA PERCHE' AVEVA RIFIUTATO UN FAVORE AD UN AMICO DI CORLEONE !
 
 
 
 

PROF. SEBASTIANO BOSIO - CHIRURGIA VASCOLARE - BEPPE LIMA - GIULIO ANDREOTTI - MAFIA -OSPEDALE CIVICO DI PALERMO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 -----------------------------------------------------------------
 
 
 
LUCIANO LIGGIO - MAFIA - CORLEONESI - COCCIU DI FUOCO . PLACIDO RIZZOTTO
 
 
 
 
 
 A CORLEONE LO CHIAMAVANO 
" COCCIU  RI  FUOCU " .....
FACEVA PAURA A TUTTI....
NAVARRA LO CHIAMAVA 
" U  IMMU ", MA SBAGLIO' A SOTTOVALUTARLO !
 
 
 
CON LUI COMINCIO' LA GUERRA DI MAFIA : CIRCA  DUEMILA  ORTI IN QUATTRO ANNI 
 
 
------------------------------------------------------------------
 
 
VITO CASCIO FERRO - PRIZZI - MAFIA - MANO NERA - PETROSINO 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 








OMICIDIO DI ALBERT ANASTASIA - COSA NOSTRA


















PIETRO AGLIERI - MAFIA - CORLEONESI -




























 

JOE BONANNO - COSA NOSTRA - CINQUE FAMIGLIE - NEW YORK

















CARLO GAMBINO - COSA NOSTRA  - NEW YORK - CINQUE FAMIGLIE





























--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



VITO GENOVESE FU UNO DEI TANTI REGALI DI MAFIA CHE GLI STATI UNITI FECERO ALLA SICILIA...ERA RICERCATO NEGLI USA PER OMICIDIO, E, PER SCAMPARE ALLA SEDIA ELETTRICA,  ERA SCAPPATO IN ITALIA NEL 1937... CHARLES POLETTI, GOVERNATORE DELLA SICILIA " LIBERATA" , NE FECE  IL SUO INTERPRETE, ANCHE SE SU DI LUI PENDEVA  UN NUOVO PROCEDIMENTO PENALE APERTO DALLA PROCURA DI NEW YORK PERCHE' RITENUTO MANDANTE DELL'OMICIDIO DEL GIORNALISTA CARLO TRESCA, ANTIFASCISTA, AVVENUTO A NEW YORK NEL 1943 AD OPERA DI CARMINE GALANTE.......CON LA DIVISA DELL' ESERCITO AMERICANO INCONTRERA' GIULIANO, ORGANIZZERA' IL MERCATO NERO DERUBANDO GLI AMERICANI STESSI ( AL SUO AMICO MAX MUGNANI SARA' AFFIDATO IL DEPOSITO DEI PRODOTTI FARMACEUTICI...PECCATO CHE ERA UN NOTO TRAFFICANTE DI STUPEFACENTI...E LA MORFINA ANDO' A RUBA ! ), TERRA' I CONTATTI CON VIZZINI, GENCO RUSSO E VANNI SACCO, I NUOVI ALLEATI DEGLI AMERICANI, I NOSTRI SALVATORI !

E GRAZIE AI NOSTRI SALVATORI AMERICANI, FINITA  LA CONQUISTA ALLEATA IN SICILIA, SU 76 COMUNI, 62 FURONO AFFIDATI AI MAFIOSI  !




VITO GENOVESE - MAFIA - COSA NOSTRA - CHARLES POLETTIVito Genovese, in America ricercato per omicidio,  era in Sicilia nel 1943-44, interprete presso il governo militare americano. Un poliziotto di nome Dickey, che gli dava la caccia, riesce a trovarlo e lo arresta con l'aiuto di due soldati inglesi ( non americani ! ); e qui cominciano i guai per un poliziotto onesto : né gli italiani né gli americani vogliono saper niente dell' arresto. Il povero agente si trascina dietro l'arrestato per sei mesi. Quando finalmente riesce a portarlo a New York scopre che il testimone che accusava Genovese di omicidio e' morto, avvelenato in carcere. Lo fanno arrivare in America solo quando erano sicuri che Genovese sarebbe stato prosciolto  !!!!



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




GENCO RUSSO - MAFIA - DEMOCRAZIA CRISTIANA

GENCO RUSSO - MAFIA - MUSSOMELI - DEMOCRAZIA CRISTIANA














GENCO RUSSO - MAFIA - POLITICA SICILIANA






GENCO RUSSO - ALDISIO - DEMOCRAZIA CRISTIANA - SICILIA






















FU PRIMA MONARCHICO E POI  TESSERATO DC ...ALLE NOZZE DEL FIGLIO I TESTIMONI DI NOZZE SONO CALOGERO VIZZINI E ROSARIO LANZA, PRESIDENTE DEMOCRISTIANO DELL' ASSEMBLEA REGIONALE.
D' ALTRONDE NEL 1944 ERA STATO RIABILITATO GRAZIE AL COMANDANTE DEL CARABINIERI DI MUSSOMELI, CHE NE AVEVA ELOGIATO LE DOTI CIVICHE. NON HA NULLA A CHE VEDERE CON QUESTO IL FATTO CHE LO STESSO MARESCIALLO BENEFICERA', AL MOMENTO DELLA PENSIONE, DI TRE ETTARI E MEZZO DEL FEUDO POLIZZELLO !!! GIA', IL FEUDO POLIZZELLO.... E IL FEUDO GRAZIANO...FEUDI DI PROPRIETA' DEL PRINCIPE GALVANO LANZA BRANCIFORTI DI TRABIA...GENCO RUSSO SE NE IMPOSSESSA GRAZIA ALLA FORZA INTIMIDATRICE DELLA MAFIA E AGLI APPOGGI POLITICI...NON SARA' LA PRIMA NE' L'ULTIMA VOLTA  CHE LA MAFIA ESTORCE LE PROPRIETA' AI  LEGGITTIMI PROPRIETARI.
DI LUI BUSCETTA RICORDA QUANDO LO ANDO' A TROVARE A CASA - ERANO GLI ANNI 50 - E LO TROVO' CHE DORMIVA CON IL MULO DENTRO CASA. E VICINO AL MULO VIDE IL " CANTARO", LA PIETRA COL BUCO DOVE SI DEFECAVA. GENCO RUSSO, MENTRE PARLAVA, SI SEDETTE SU QUELLA PIETRA E FECE I SUOI BISOGNI !

………………………………………………………………………………..




FRANK COPPOLA - MAFIA
FRANK COSTELLO - COSA NOSTRA -




































……………………………………………………………………………………………………………………………………………………

SONO 108 I BAMBINI UCCISI DALLE MAFIE (QUELLI NOTI ! ) E SI VA DALLA BIMBA MAI NATA DI NINO E IDA AGOSTINO ALLA PICCIRIDDA RITA ADRIA, A CLAUDIO DOMINO , AI QUATTRO RAGAZZINI UCCISI PER AVERE SCIPPATO LA MADRE DI SANTAPAOLA , AL PICCOLO DI MATTEO. A PROPOSITO DI CLAUDIO DOMINO, IL DR ACCORDINO, CHE SI OCCUPO' DEL SUO DELITTO, SOTTOLINEO' CHE IL BIMBO, MIOPE, AVESSE PERSO I SUOI OCCHIALI  QUALCHE GIORNO PRIMA DELL' OMICIDIO E FORSE STRIZZO' GLI OCCHI PER METTERE A FUOCO , FACENDO CREDERE AI SUOI ASSASSINI DI AVERLI IDENTIFICATO. 




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




LEONARDO VITALE

Leonardo Vitale fu tra i primi pentiti di mafia. Faceva parte della famiglia mafiosa di Altarello  di Baida. Fu tra gli esecutori del sequestro dell'ingegnere Cassina, organizzato da Riina. Le sue rivelazioni sulla organizzazione mafiosa furono raccolte da Contrada, Giuliano, il colonnello Russo... parl0' del rituale della mafia, dei componenti delle famiglie, del ruolo sempre piu' preponderante dei corleonesi, della strage di viale Lazio, di Vito Ciancimino, e di tanto altro. Contrada, Giuliano  e i carabinieri di Russo e Dalla Chiesa trovano riscontro ai suoi racconti, era credibile. 
Quando gli ammazzano un cugino e minacciano la madre e la sorella, si finge pazzo e ritratta. E' quello che vuole la mafia, e' quello che fa comodo a certi giudici !  Finira' a Barcellona Pozzo di Gotto. Subirà per otto volte l'elettroshock. La mafia lo uccidera' tanti anni dopo, all'uscita da una chiesa. Undici anni dopo Buscetta avallera' le sue dichiarazioni.
Nell'istruire il maxiprocesso i giudici scrissero che se si fossero prese sul serio ( io direi , meglio,   se gli inquirenti avessero voluto prendere sul serio )  le dichiarazioni fatte in quel momento storico da Vitale e poi da Di Cristina, molte morti si sarebbero evitate...molte, direi, anche di fedeli servitori dello stato, di donne, di bambini innocenti. Sangue innocente causato dalla ignavia, dalla sete di denaro e di potere, dalla paura di molti politici,magistrati, poliziotti, carabinieri,burocrati, commercianti, industriali, che si sono venduti ai mafiosi. 


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




JOE BANANAS - COSA NOSTRA





















GIOVANNELLO GRECO - MAFIA



MASSERIA - COSA NOSTRA - MAFIA























I SALVO - ESATTORIE - SALVO LIMA - ANDREOTTI - DECRAZIA ITALIANA - POLITICA SICILIANA




















AL CAPONE - GANGSTER - SCARFACE


BUGSY SIEGEL - GANGSTER - AMERICA - COSA NOSTRA

BUGSY SIEGEL






























Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint